Tutti gli ostacoli (e le incognite) per la pacificazione della Libia

Di Lorenzo Marinone

Il prolungamento indefinito dell’offensiva di Haftar non soltanto ha rinvigorito e accelerato il processo di frammentazione sociale in atto da tempo, ma continua anche a produrre nuovi motivi di odio legati ai danneggiamenti materiali e alle perdite umane

Non solo immigrazione. Tutte le sfide per lo sviluppo dell'area mediterranea

Di Claudio Bertolotti

L’attività di ricerca nell’ambito di un team internazionale si è focalizzata sulle tematiche che maggiormente impegnano i governi dell’area mediterranea, e su cui sono concentrate le opinioni pubbliche dei rispettivi Paesi. Ecco quali e perché

Che cosa può fare l'Ue per la sicurezza marittima nel Mediterraneo

Di Beniamino Franceschini

La strategicità del Mediterraneo procede di pari passo con l’instabilità di alcune sue zone, cosicché la difesa della sicurezza marittima ha assunto negli ultimi trent’anni nuove accezioni non sempre colte velocemente

Quali sono (e a che cosa mirano) le potenze che si muovono nel Mediterraneo

Di Manuel Minuto Moreno

Le potenze globali Usa, Russia, e più recentemente Cina, sono tutte presenti nel Mediterraneo, dove perseguono agende ed interessi piuttosto diversificati. In questo contesto così variegato per interessi ed ambizioni, l’Italia deve giocare in Mediterraneo una partita fondamentale per il proprio benessere e sviluppo

Come cambia il ruolo della Nato nel Mediterraneo. Parla Politi (Ndcf)

Di Enrico Casini

La nuova centralità strategica del Mediterraneo, gli interessi russi e cinesi nell’area, le crisi presenti e la fragilità dei governi della Sponda sud, sono tutti elementi che dovrebbero spingere l’Alleanza ad aumentare sempre di più la sua attenzione al Mediterraneo. Conversazione con Alessandro Politi, direttore della Nato Defense College Foundation

Perché la stabilità climatica è una delle priorità nel Mediterraneo

Di Luca Bergamaschi

Nella comunità di esperti e decisori politici che si occupa di politica estera e sicurezza nel Mediterraneo si discute ancora troppo poco di quella che molto probabilmente diventerà la minaccia numero alla stabilità dell’area: il cambiamento climatico. L’analisi di Luca Bergamaschi, ricercatore associato nel programma Iai Energia, clima e risorse

Che cosa destabilizza (ancora) Siria e Medio Oriente. La visione di Belfer (Egic)

Di Giulia Altimari

Mitchell Belfer, Presidente dell’Euro-Gulf Information Centre (Egic), analizza i focolai di tensione presenti nel Mediterraneo e gli effetti che possono produrre anche rispetto all’area mediorientale

Vi spiego le mosse di Arabia Saudita, Iran e Turchia in Siria e Iraq. Parla Manciulli

In una conversazione con Formiche.net, Andrea Manciulli – presidente di Europa Atlantica e senior fellow dell’Ispi, esperto e studioso di terrorismo – analizza la crisi mediorientale dopo le ultime offensive, gli interessi e gli attori in gioco. E avverte: “Disinteressarsi di ciò che accade o tirarsi indietro potrebbe portare a una nuova fase di jihadismo globale 3.0”

Vi spiego perché la guerra dei dazi tra Usa e Cina non è una sventura per l'Ue

Di Antonino Alì

L’Ue si trova oggi in una situazione paradossale: pur criticando i dazi commerciali americani e le altre misure protezionistiche, essa al momento sembra trarre vantaggio dallo scontro tra gli Stati Uniti e la Cina in virtù di un aumento delle sue esportazioni verso questi mercati

5G e non solo. Il ruolo dell'Europa nel conflitto tecnologico tra Usa e Cina

Di Stefano Mele e Domenico Bevere

L’Europa si trova nel mezzo della competizione tra le due superpotenze Stati Uniti e Cina, che parte dal deficit commerciale e dalla guerra dei dazi per proiettarsi fino a un conflitto per il predominio tecnologico