Stefano Romandini. Perché il pubblico ha bisogno del privato