Il papa e una tecnologia sicura, dai bambini agli ospedali