Olimpiadi, medaglia d'oro alla censura. Il commento di Harth