La Commissione europea ha bocciato, giudicandolo un aiuto di Stato, l’intervento di sostegno effettuato, nel 2014, dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (FITD) in favore della Banca Tercas, in relazione all’acquisizione di questa da parte della Banca Popolare di Bari.

Annunciando la decisione della Commissione il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha detto che “a seguito di una indagine approfondita, la Commissione ha concluso che tale intervento costituisce un aiuto di Stato non compatibile con la disciplina europea”.

LA SPIEGAZIONE DELLA COMMISSIONE

Nel memorandum pubblicato a Bruxelles la Commissione europea ha spiegato in modo dettagliato la propria decisione sul caso della Banca Tercas, la stessa argomentazione che la Commissione ha usato per bloccare la misura che nel novembre scorso stava preparando il governo per ristrutturare Banca Marche, Banca Etruria, Carife e Carichieti.

“Perché l’uso di fondi del sistema obbligatorio di garanzia dei depositi italiano a sostegno di Banca Tercas costituisce un aiuto di Stato incompatibile? L’istituzione di sistemi di garanzia dei depositi – risponde la Commissione – è stabilita dal diritto dell’Ue per garantire il risarcimento dei titolari di depositi in caso di liquidazione e di uscita dal mercato di una banca. Ciò non solleva questioni relative agli aiuti di Stato. Tuttavia – puntualizza l’Esecutivo comunitario – se un sistema obbligatorio di garanzia dei depositi interviene spingendosi oltre la funzione di rimborso dei titolari di depositi per sostenere le stesse banche in difficoltà, possono applicarsi le norme sugli aiuti di Stato dell’Ue”.

Questo perché “i fondi provenienti da fonti private costituiscono aiuti di Stato se sottoposti a controllo pubblico prima di essere concessi a un’impresa specifica e la relativa decisione è imputabile allo Stato: si tratta di un principio consolidato della giurisprudenza dell’Ue. Il ragionamento – argomenta la Commissione – è semplice: se non venisse applicato questo principio, sarebbe facile aggirare il controllo Ue degli aiuti di Stato e le garanzie ivi previste per i contribuenti e le eque condizioni di concorrenza”.

“Un aspetto importante – secondo l’Antitrust comunitario – è che i fondi che costituiscono aiuti di Stato possono comunque essere utilizzati per sostenere una banca in difficoltà, purché le misure rispettino le condizioni previste dalle norme Ue sugli aiuti di Stato e dalla direttiva sul risanamento e la risoluzione delle banche (Brrd)”.

“Nel caso di Banca Tercas – si legge ancora nel documento -, dopo un’indagine approfondita la Commissione europea ha concluso che l’intervento del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (Fitd) comporta un aiuto di Stato che ha conferito a Banca Tercas un vantaggio rispetto ai suoi concorrenti”.

L’Esecutivo comunitario elenca quindi le ragioni che lo hanno portato a questa conclusione. Innanzitutto, “lo Stato ha il controllo dei fondi”, perché “il Fitd è finanziato mediante contributi di banche private prescritti dal diritto nazionale.
L’adesione al Fitd e il contributo ai suoi interventi hanno carattere obbligatorio per le banche commerciali italiane”.

In secondo luogo, “la decisione di sostenere Banca Tercas è imputabile allo Stato: il Fitd opera con un mandato pubblico ed è controllato dallo Stato attraverso la sua struttura di ‘governance'”, e inoltre “la decisione di concedere l’aiuto è stata esplicitamente approvata dalla Banca d’Italia”.

Le misure di aiuto a favore di Banca Tercas non erano compatibili con le norme Ue sugli aiuti di Stato, conclude la Commissione, “perché l’Italia non ha presentato un piano di ristrutturazione, i principi di ripartizione degli oneri (‘burden-sharing’) non sono stati rispettati e le distorsioni della concorrenza derivanti dall’aiuto non sono state sufficientemente limitate”.

Tuttavia, l’Antitrust comunitario suggerisce una via d’uscita, corrispondente alla soluzione che il governo ha già indicato di voler seguire nel caso Tercas: se le altre banche decidono “di porre in essere un meccanismo completamente privato, ricorrendo a fondi messi a disposizione dal settore privato su base volontaria e senza alcuna ingerenza dello Stato, non si pongono questioni relative agli aiuti di Stato. Questa soluzione esula dal campo di applicazione del controllo Ue sugli aiuti di Stato”.

Ora, ad esempio, “sembra che il Fitd abbia chiesto ai suoi membri se sarebbero disposti a sostenere Banca Tercas su base volontaria e senza alcun coinvolgimento delle autorità italiane. In queste circostanze – conclude la Commissione -, i fondi non sarebbero considerati un aiuto di Stato a favore di Banca Tercas”.

IL COMMENTO DEL MEF

“La Commissione europea – ha commentato il Mef – modificando il proprio orientamento, ha parificato l’intervento del FITD a una misura di supporto pubblico. Infatti la Commissione europea ha ritenuto, nonostante che il FITD sia costituito da risorse private, che i suoi interventi siano imputabili allo Stato italiano in ragione dell’approvazione ex post da parte della Banca d’Italia delle decisioni che li dispongono e dell’obbligatorietà dell’adesione al Fondo. Affinché l’intervento del Fondo, qualificato come aiuto di Stato, potesse essere considerato compatibile con la disciplina europea, sarebbe stata necessaria la previsione di misure di contenimento della distorsione alla concorrenza, tra le quali, in particolare, la condivisione degli oneri da parte dei detentori di obbligazioni subordinate (c.d. burden-sharing)”.

“Il FITD – ha aggiunto il Ministero – anche su suggerimento e impulso del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha istituito un meccanismo completamente volontario, con una gestione distinta da quella con cui sono assunte le decisioni a tutela dei depositanti, e finanziato con risorse diverse dalle contribuzioni obbligatorie. Il meccanismo volontario, per definizione non assoggettabile ai vincoli previsti per gli aiuti di Stato, provvederà a replicare il precedente intervento, restituendo alla Banca Tercas l`intero ammontare delle risorse che questa dovrà retrocedere al FITD in esecuzione della decisione della Commissione”.

“L’intervento del meccanismo – ha concluso il Mef – garantirà la piena continuità finanziaria e operativa di Banca Tercas, neutralizzando le conseguenze negative della decisione della Commissione europea”.

ECCO TUTTI I RECENTI ARTICOLI DI FORMICHE.NET SUL TEMA:

Tutte le capriole della Consob sui bond delle banche dissestate. L’articolo di Michele Arnese e Gianluca Zapponini

Vi spiego tutte le tragiche follie della Germania sulle banche. Il commento di Paolo Savona

Cosa poteva fare il governo sui bond 4 banche commissariate. L’analisi di Mario Seminerio

Ecco come la Germania vuole punire l’Italia. Il commento dell’economista Paolo Savona

Bcc, ecco perché Renzi e Federcasse bisticciano sulla riforma. L’articolo di Michele Arnese e Gianluca Zapponini

Banca Etruria e Banca Marche, ecco le stilettate di Mattarella a Bruxelles. L’articolo di Valeria Covato

Maria Elena Boschi, le imboscate, i sottoboschi e le ciacole parlamentari. Il corsivo di Michele Arnese

Tutte le domande imbarazzanti sulle 4 banche in dissesto. Il commento di Oscar Giannino

Banca Etruria, Boschi, imboscate e scaricabarili. Il corsivo di Michele Arnese

Ecco il triste Scaricabarile su Banca Marche e Banca Etruria. Il commento dell’economista Salvatore Zecchini

Unicredit, Intesa, Mps, Ubi. Ecco il costo del Bail In per i bond. L’articolo di Fernando Pineda

Ecco le bugie sentite su Banca Marche, Banca Etruria, Cari Ferrara e Cari Chieti. L’analisi di Oscar Giannino

Banca Marche e Banca Etruria. Bluff, bufale ed errori. Il commento di Davide Giacalone

Ecco cosa ha fatto (forse) De Benedetti su Banca Etruria e banche popolari. Il corsivo di Giuseppe Turani

Banca Etruria e Banca Marche. Il governo ha fornito uno scudo ai vertici? L’articolo di Gianluca Zapponini

Banca Marche e Banca Etruria, ecco la tarantella della Consob sui bond. L’articolo di Gianluca Zapponini

Banca Marche, Etruria, Ferrara e Chieti. Cosa non va nella risoluzione. L’analisi di Paolo Savona

Gioie e dolori del localismo bancario. L’analisi dell’editorialista Stefano Cingolani

Fatti e bufale sul salvataggio/risoluzione delle 4 banche. L’analisi del direttore di Formiche.net, Michele Arnese

Banca Marche e Banca Etruria, che cosa è successo tra Renzi e Padoan? L’analisi dell’economista Giuseppe Pennisi

Banca Etruria, Maria Elena Boschi e un articoletto della discordia. Il corsivo di Michele Arnese

Vi spiego le colpe di Ue e governo su banche e risparmio. Parla Claudio Borghi sentito da Giovanni Bucchi

Bond subordinati, tutte le baruffe tra governo, Bankitalia e Consob. La ricostruzione di Gianluca Zapponini

Il sistema bancario italiano e l’Europa. L’intervento di Giuseppe De Lucia Lumeno, segretario generale di Assopopolari

Fuga di correntisti da Banca Marche e Banca Etruria? Fatti e indiscrezioni nell’articolo di Gianluca Zapponini

Banca Etruria, la Leopolda e Renzi. Parla Maria Elena Boschi. L’articolo di Andrea Picardi

Io, ex Bankitalia, accuso Bankitalia sulla vigilanza di Banca Etruria e Banca Marche. La testimonianza raccolta daGianluca Zapponini

Cosa ha detto Bankitalia sul decreto Salva-banche in Parlamento. La ricostruzione di Fernando Pineda

Vi spiego gli errori di governo e Ue sulle banche commissariate. Parla Sforza Fogliani (Assopopolari)

Ecco ritardi e magagne sul salvataggio di Banca Marche, Etruria, Carife e Carichieti. Il commento di Michele Arnese

Tutte le sciocchezze sui bond subordinati. Le Punture di Spillo di Giuliano Cazzola

L’Ue dirà no ai rimborsi ipotizzati da Renzi e Padoan su Banca Etruria e Banca Marche? L’articolo di Gianluca Zapponini

Class action in arrivo sulla stangata subita per Banca Marche, Banca Etruria, Cari Ferrara e Cari Chieti. L’intervento di Valentina Napoleoni

Ecco chi subirà la vera mazzata dopo l’operazione bancaria su Etruria, Marche, Ferrara e Chieti. L’analisi di Michele Arnese

Ecco chi sbuffa in Parlamento per il salvataggio delle 4 banche ai danni dei risparmiatori. La ricostruzione diGianluca Zapponini

Tutte le colpe dell’Europa sulle banche. Il commento di Paolo Savona

Verità e bugie sul salvataggio di Banca Etruria, Marche, Carife e Cari Chieti. L’analisi di Mario Seminerio

Chi ha ciurlato nel manico delle banche commissariate. Il corsivo di Michele Arnese

Come funziona il salvataggio di Banca Etruria, Marche, Cari Ferrara e Cari Chieti. Il punto di Gianluca Zapponini

Chi paga davvero il salvataggio di 4 banche. L’articolo di Valeria Covato

Ecco quanto costerà davvero il salvataggio delle banche in crisi. La ricostruzione di Fernando Pineda

Bail in, vi svelo il papocchio orchestrato in Europa. Il commento di Paolo Savona

Vi spiego vantaggi e limiti dell’Unione bancaria alla tedesca. Parla David Carretta

Bail-in, cosa cambia per i clienti delle banche. Gli italiani lo sanno? L’analisi di Roberto Sommella

Prime mosse del banchiere Roberto Nicastro. Le foto

Ecco gli ex vertici di Banca Etruria, Marche, Cari Chieti e Cari Ferrara. Le foto

 

Condividi tramite