Conversazione di Formiche.net con Massimo Zedda, l'esponente di Sel confermato sindaco di Cagliari al primo turno in alleanza con il Partito Democratico

Matteo Renzi? “Un interlocutore con il quale confrontarsi seriamente sui temi, senza fare sconti ma neppure polemiche strumentali“. Il Pd? “L’alleato naturale cui guardare per ricostruire un’area politica oggi frammentata, dispersa e disorientata“. L’isolamento a sinistra? “Un esperimento che non ha dato i frutti sperati“. La vicenda che vede protagonista Massimo Zedda oggi può considerarsi un’autentica eccezione: l’unico – nei comuni capoluogo di regione al voto in questa tornata di amministrative – che sia riuscito a definire la partita al primo turno senza passare per il ballottaggio, per di più con una coalizione di centrosinistra che si potrebbe considerare vecchio stile.

L’esponente di Sel – fuoriuscito dai Ds prima della fusione con la Margherita – è stato riconfermato sindaco di Cagliari con il 50,9% dei voti in alleanza con il Pd: “Ci siamo concentrati sul lavoro fatto e da fare per i cagliaritani, senza prestare il fianco al gioco delle polemiche, dei litigi e degli scontri, che invece ha prevalso altrove“. Un’esperienza che – secondo il primo cittadino del capoluogo sardo – dimostra la necessità di un percorso comune tra il partito guidato da Matteo Renzi e quella che alcuni definiscono la “sinistra sinistra”: “A partire dalle città si può ricostruire un accordo fondato sulla soluzione dei problemi concreti dei cittadini e del Paese“.

Quando gli si fa notare che nel suo partito esiste però un ampio fronte contrario a questa prospettiva – come dimostrano le corse in solitaria di Stefano Fassina a Roma e Giorgio Airaudo a Torino – Zedda non esita a rispondere: “Non mi sembra che gli sia andata benissimo. Se avessero vinto o fatto registrare percentuali importanti, sarebbe stato un argomento molto serio di discussione ma non è accaduto niente di tutto ciò“.

Chi vuole una sinistra antitetica al Pd dovrebbe cambiare idea: “Invito a un ripensamento generale. Bisogna stare attenti a non disperdere un immenso patrimonio di competenze, energia e passione politica, com’è avvenuto nelle città in cui ci si è presentati da soli”. Un esempio in questo senso è certamente Roma, dove – con il risultato non entusiasmante di Fassina, fermo al 4% dei voti – la sinistra è riuscita a far eleggere un solo esponente in Assemblea Capitolina, che poi è lo stesso ex viceministro dell’Economia, deciso per ora a mantenere il doppio incarico di consigliere comunale e di deputato.

Un esito negativo cui vanno anche aggiunte le ripercussioni nei municipi romani – nei quali il partito della sinistra è stato inevitabilmente sconfitto – a partire dal feudo rosso della Garbatella dove Andrea Catarci era riuscito a mantenere saldo il timone del governo anche negli anni in cui Gianni Alemanno guidava il Campidoglio.

Non è un caso che Zedda abbia scelto proprio la città eterna per manifestare la sua posizione, con un mini tour romano al fianco di Roberto Giachetti. Una visita di poche ma simboliche ore. Sbarcato nella capitale alle 16 e ripartito alla volta della Sardegna alle 21, il sindaco di Cagliari ha partecipato a due appuntamenti con il candidato romano: uno in compagnia del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio e l’altro del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il cui vice – per inciso – è l’esponente di Sel Massimiliano Smeriglio. Sostegno di Zedda a Giachetti, determinato da considerazioni politiche di carattere nazionale ma non solo:  “Nel nostro modo di intendere la politica e nei nostri porgrammi – pur con le inevitabili differenze – ci sono notevoli punti di contatto. Si vede che ha studiato, che ha approfondito i temi dei singoli quartieri“.

E poi un’altra ragione in particolare: l’essere Giachetti l’alfiere della candidatura olimpica di Roma. Gli eventuali Giochi Olimpici del 2024, infatti, si svolgerebbero in parte anche a Cagliari: “La mia città è inserita nel dossier olimpico. Questo vuol dire che – in caso di assegnazione all’Italia – ospiterà le Olimpiadi della vela. Non posso non essere favorevole a un evento di carattere mondiale che rilancerebbe Cagliari, Roma e il mio Paese“.

La Capitale, peraltro, non è l’unica città in cui Zedda è andato a fare campagna elettorale a sostegno di un candidato del Pd. Qualche giorno fa ha fatto lo stesso anche a Milano, per supportare Beppe Sala nella sfida all’ultimo voto con Stefano Parisi. Un testa a testa dall’esito quasi impronosticabile: “Spero e penso che vinca Sala. Ogni elezione è storia a sè. E’ evidente che a Roma e Milano ci siano situazioni di maggiore complessità da affrontare spingendo sull’acceleratore fino alla fine“.

Giachetti e Sala, i più renziani tra i candidati a sindaco nell’ultima tornata elettorale. Inevitabile, dunque, chiedere a Zedda quali siano i suo rapporti con il presidente del Consiglio, di cui il suo partito di appartenenza si pone all’opposizione a livello nazionale: “Ho un buon rapporto con il premier. Ogni volta che ci incontriamo, discutiamo di Cagliari e delle soluzioni concrete da mettere in campo per risolverne i problemi. Qualche settimana fa ad esempio siamo stati indicati come città pilota per la banda ultralarga in accordo tra governo ed Enel“.

Quindi la sinistra che immagina Zedda dovrebbe allearsi con Renzi?: “Un conto è il livello locale e un altro il livello nazionale. Però è indubbio che si debba costruire un percorso comune, che parta dalle città e che faccia perno su un programma nel quale si possano identificare le diversi componenti del centrosinistra“. Sul risultato di questa eventuale operazione di riavvicinamento certamente dirà qualcosa anche il referendum d’ottobre sulla riforma costituzionale, in vista del quale una parte della sinistra è già attivamente scesa in campo a favore del No. Una posizione non condivisa da Zedda che sul tema – anche strategicamente – preferisce prendere tempo: “In questi mesi di campagna elettorale – salva la parte relativa agli enti intermedi di diretta competenza dei sindaci – non ho avuto il tempo materiale di approfondire il testo della riforma. Lo farò nelle prossime settimane“.

Non c’è dubbio che la sfida del referendum confermativo influenzerà anche il congresso fondativo di Sinistra Italiana – la formazione politica nata dall’incontro tra Sel ed alcuni dei fuoriusciti Pd – in programma il prossimo dicembre: “Sarà l’argomento di discussione dei prossimi mesi. Mi auguro che anche persone come il sindaco di Genova Marco Doria e l’ex primo cittadino di Milano Giuliano Pisapia vogliano dare il loro contributo. Dobbiamo costruire un soggetto unitario che rappresenti la sinistra, indipendentemente dal nome che sarà scelto. L’importante è non scomparire“.

LO SPECIALE DI FORMICHE.NET SUL SECONDO TURNO DELLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE

ROMA

Una giornata con Roberto Giachetti. Di Andrea Picardi

Tutti i veri grilli per la testa di Massimo D’Alema. Di Francesco Damato

Chi vincerà i ballottaggi a Roma, Milano e Torino. Parla il prof. ex grillino Becchi. Di Andrea Picardi

Olimpiadi Roma 2024, ecco costi, ricavi e polemicuzze. Di Andrea Picardi

Giachetti e Raggi, i programmi a confronto su Olimpiadi, metro C, debito e stadio della Roma. Di Andrea Picardi

Tutti i numeri del gorgo politico-istituzionale su ballottaggi e dintorni. Di Michele Magno

Che cosa deve chiarire Virginia Raggi. Di Gianfranco Polillo

Perché i centristi filo Renzi guardano al modello Rimini. Di Gianluca Roselli

Ecco come Vittorio Feltri di Libero si districa fra renzismo e anti renziani. Di Francesco Damato

Che cosa si muove sull’Italicum tra Renzi, minoranza Pd e opposizioni. Di Francesco Damato

Perché i ballottaggi rischiano di diventare un voto sul governo. Di Giuseppe Pennisi

Perché non seguiamo Salvini su Raggi a Roma. Parla Rampelli (Fratelli d’Italia). Di Paola Sacchi

Vi racconto come i giornali di carta sulle elezioni comunali si sono incartati. Di Francesco Damato

Elezioni comunali, cosa si dice nel popolo del Family Day? Di Giovanni Bucchi

Acea, cosa succede dopo il voto a Roma del 5 giugno. Di Angela Zoppo

MILANO

Referendum, per Renzi è più utile che a Milano vinca Parisi. Parla Mingardi. Di Niccolò Mazzarino

Perché i popolari di Alef voteranno Stefano Parisi a Milano. Di Ettore Bonalberti

Come arrivano al ballottaggio Giuseppe Sala e Stefano Parisi. Di Walter Galbusera

Perché alle amministrative hanno perso tutti. Di Fabio Plebani

Il Movimento 5 Stelle di Grillo non cresce. Parola dell’Istituto Cattaneo. Di Stefano Cingolani

Cosa (non) deve fare il Pd dopo il voto del 5 giugno. L’analisi del prof. Ceccanti. Di Andrea Picardi

Elezioni comunali, tutti i numeri che deludono Matteo Salvini. Di Niccolò Mazzarino

Il centrodestra ripartirà con Stefano Parisi e Gianni Lettieri. Parla Tajani. Di Paola Sacchi

Perché per Beppe Sala il primo turno a Milano è una mezza sconfitta. Di Lodovico Festa

Elezioni a Milano, ecco come e perché Stefano Parisi gongola. Di Antonella Luppoli

A2a, sicurezza e quartiere cinese. Come si dividono Stefano Parisi e Beppe Sala. Di Antonella Luppoli

Tutti gli effetti del voto su Matteo Renzi. Parla Peppino Caldarola. Di Andrea Picardi

Vi spiego il vero errore di Matteo Renzi alle comunali. Parla Cicchitto. Di Andrea Picardi

 Elezioni, perché la vera partita nazionale si gioca a Milano tra Parisi e Sala. Di Umberto Minopoli

NAPOLI

Vi racconto l’inconcludenza boriosa di Luigi De Magistris. Di Giuseppe Reina

Perché se vince De Magistris a Napoli ci saranno altri 5 anni di non governo. Parla Biagio De Giovanni. Di Franco Adriano

Vi dico cosa succede davvero a Napoli tra De Magistris e Renzi. Di Andrea Picardi

Ecco come la sinistra dem lavora contro Renzi al Sud. Parla Margiotta (Pd). Di Andrea Picardi

Elezioni comunali, ecco la bomba-derivati a Roma e Napoli. Di Gianfranco Ferroni

Perché io, renziano, a Napoli preferisco Lettieri a De Magistris. Di Umberto Minopoli

Matteo Renzi ora rifondi il Pd a Napoli e Roma. Di Umberto Minopoli

Ecco i risultati del Pd a Napoli che hanno fatto imbufalire Matteo Renzi. Di Giovanni Bucchi

TORINO

Guido Montanari, chi è il Signor No che Chiara Appendino vuole all’Urbanistica di Torino. Di Giovanni Bucchi

Ecco visioni e divisioni di Piero Fassino e Chiara Appendino. Di Sabina Prestipino

Tutte le punzecchiature in tv fra Piero Fassino e Chiara Appendino. Di Sabina Prestipino

Appendino o Fassino? Che cosa si dice a Torino tra imprenditori, sindacalisti e banchieri. Di Sabina Prestipino

Verità e bugie su Chiara Appendino e Virginia Raggi. Di Michele Arnese

Perché sono scettico sulle capacità di governo di Appendino e Raggi. Parla il prof. Becchi. Di Gianluca Roselli

Cosa penso di Piero Fassino. Di Giuliano Cazzola

BOLOGNA

Manes Bernardini, chi è il tosiano ago della bilancia a Bologna. Di Giovanni Bucchi

Bologna, Virginio Merola, l’opportunità e l’opportunismo. Di Giuliano Cazzola

 

Condividi tramite