Galli della Loggia e quell’idea malata di sovranità