Calisto Tanzi visto da Umberto Pizzi. Le foto dell’ex patron di Parmalat

È morto il primo gennaio 2022, a 83 anni, l’ex proprietario del Parma Calisto Tanzi. Rimasto alla guida della squadra di calcio dal 1990 al 2003. L’ex patron di Parmalat e Parma calcio, al centro di crac finanziari e processi, era in regime di detenzione domiciliare. Da metà dicembre era ricoverato all’ospedale Maggiore di Parma per una infezione polmonare, non da covid.

Tanzi era nato a Collecchio, il piccolo Paese a due passi da Parma in cui poi ha costruito il suo impero, il 17 novembre 1938. Diplomato in ragioneria, ha interrotto gli studi alla morte del padre per sostituirlo nella direzione di una piccola azienda familiare di salumi e conserve. Cavaliere del lavoro nel 1984 (poi “declassato” da Napolitano), ha investito nella sua città risorse ingenti per sponsorizzazioni e restauri. Aveva appena 22 anni quando fondò nel 1961 la sua impresa del latte prendendo la vecchia azienda del nonno, a conduzione familiare, e trasformandola in una multinazionale con oltre 130 stabilimenti in tutto il mondo.

Tanzi aveva di fatto inventato il latte a lunga conservazione ma l’ambizione lo portò ad allargarsi dal settore alimentare (non solo latte ma anche conserve, merendine, yogurt) al turismo, alla tv, e perfino al calcio. Negli anni Novanta la Borsa, poi le acquisizioni, il ricorso al mercato dei titoli e infine il crac. Parmalat, secondo la definizione degli inquirenti, è diventata cosi’ “la più grande fabbrica di debiti della storia del capitalismo europeo”.

Ecco le foto di Calisto Tanzi firmate Umberto Pizzi.

(c) Umberto Pizzi – Riproduzione riservata

Condividi tramite

Guarda le altre gallery fotografiche