Ecco come il candidato del Partito democratico a sindaco di Roma Roberto Giachetti ha passato il penultimo giorno della campagna elettorale, in compagnia di Boschi, Delrio, Orfini, Zedda e Zingaretti.

Oggi la chiusura della campagna elettorale al Ponte della Musica, l’infrastruttura voluta da Walter Veltroni per unire la zona del Foro Italico e degli impianti sportivi con quella della cultura rappresentata dall’Auditorium di Renzo Piano. “Il simbolo di una città che può e che deve essere ricucita“, dice Roberto Giachetti, ieri protagonista del suo ultimo tour per Roma dopo un viaggio durato – compresa la sfida delle primarie – ben cinque mesi.

In giro tra un quartiere e l’altro a bordo del suo scooter, a rappresentare anche plasticamente il tentativo di rincorsa che ha caratterizzato il suo impegno alle elezioni capitoline. Giachetti lo fa capire quando incontra un gruppo di cittadini in uno spazio culturale del quartiere di Montesacro: “Secondo i pronostici saremmo dovuti arrivare quarti ma adesso invece ce la giochiamo in finale“. Un concetto ribadito anche dal presidente del Pd e commissario romano Matteo Orfini: “Ci davano quarti e siamo arrivati secondi al primo turno e siamo al ballottaggi. Ora cerchiamo di completare la rimonta“.

In fondo quasi un modo per dire che – date le premesse di partenza con Mafia Capitale e il fallimento di Ignazio Marino – quello ottenuto può essere già considerato un risultato positivo. A questo punto l’obiettivo principale – ragionano in molti nel Pd – è evitare che l’eventuale vittoria di Virginia Raggi sia troppo larga. Giocarsela fino alla fine e salvare il salvabile per poi ricostruire il partito romano. Nessuno lo ammette ufficialmente ma ufficiosamente lo pensano in molti. Non i volontari e i militanti però, che continuano a credere nel miracolo e a sostenere la corsa di Giachetti ovunque si presenti con il suo scooter.

Un bel pezzo del partito – non quello di Massimo D’Alema ovviamente – è convinto che il valore aggiunto della campagna elettorale del Pd sia stato proprio rappresentato da Giachetti senza il quale – commentano – “non saremmo neppure arrivati al ballottaggio“. Lo spettro dell’ex presidente del Consiglio, però, è ininterrottamente presente nei ragionamenti delle retrovie e nelle domande dei giornalisti. “Ha smentito tutto, voterà Giachetti“, cerca di tamponare Orfini. “So cosa pensa di me ma non mi interessa cosa voterà. L’importante è che mi scelgano i romani“, commenta più realisticamente il candidato sindaco. D’altronde più passano le ore e più emerge la veridicità del retroscena raccontato da Repubblica nei giorni scorsi: oggi ad esempio – sempre al quotidiano diretto da Mario Calabresilo storico dell’arte Tomaso Montanari ha confermato di aver parlato con D’Alema, il quale gli avrebbe consigliato di accettare la proposta di Virginia Raggi – da lui però rifiutata – di entrare nell’eventuale giunta dei cinquestelle come assessore alla Cultura.

Per una parte del Pd che forse lo ha abbandonato – ma non Gianni Cuperlo che ieri su Facebook ha fatto un appello a votarlo – ce n’è comunque un’altra, almeno apparentemente maggioritaria, che nelle ultime ore si è stretta intorno a Giachetti in modo ancora più forte. Instacabilmente accompagnato dai suoi principali collaboratori – il coordinatore della campagna elettorale Luciano Nobili e i giovani esponenti del Pd romano Marco Cappa e Andrea Casu – il vicepresidente della Camera ha passato il penultimo giorno della sua corsa capitolina in compagnia di figure di primo piano a livello nazionale e locale. Non solo Orfini ma soprattutto alcuni dei principali esponenti del governo di Matteo Renzi.

Nel pomeriggio – dopo Montesacro – si è spostato a Casal Monastero, estrema periferia nordest della Capitale per incontrare il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio. Non un appuntamento casuale il loro: in questa località per molti sconosciuta dovrebbe terminare il prolungamento della metro B di Roma. Il condizionale è d’obbligo perchè a 4 anni abbondanti dall’aggiudicazione dell’appalto nulla ancora si è mosso e soprattutto perchè non è detto che Virginia Raggi – in caso di vittoria – voglia andare avanti con l’opera. Che serva e che si debba fare per Delrio non c’è discussione: “Abbiate fiducia in questo sindaco che potrà fare davvero bene per questa città. Tutti i cittadini penseranno che si possa trattare di una promessa elettorale ma non è così. In Italia per fare ogni cosa ci vogliono trent’anni, è una guerra. Il prolungamento della metro B si può fare abbandonando alcune cubature impossibili“.

Del resto la presunta vocazione al no della candidata grillina è uno degli argomenti su cui Giachetti ha insistito di più nel corso dell’ultimo scorcio della sua campagna elettorale. Un concetto che il candidato Pd ha ribadito anche nel tardo pomeriggio al suo comitato elettorale in un incontro con il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti e il sindaco di Cagliari – rieletto al primo turno – Massimo Zedda: entrambi esempio di come i rapporti con la cosiddetta “sinistra sinistra” possano funzionare e non tradursi necessariamente in uno scontro, a differenza di quanto avvenuto a Roma con Stefano Fassina.

In serata poi l’evento più atteso con la visita di Maria Elena Boschi, che nel pomeriggio aveva invece fatto voltantinaggio pro Giachetti all’Eur. Il ministro per le Riforme Costituzionali invita tutti all’ultimo sforzo per convincere gli indecisi: “Serve l’ultima fatica mancano poche ore. Dobbiamo stare fissi al telefono per contattare tutti, dagli ex compagni alle ex fidanzate“. Poi – a voler dare l’esempio in modo simbolico – Boschi e Giachetti si sono messi materialmente al telefono a contattare gli elettori. L’estremo tentativo di riuscire nel miracolo.

 

 

LO SPECIALE DI FORMICHE.NET SUL SECONDO TURNO DELLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE

ROMA

Tutti i veri grilli per la testa di Massimo D’Alema. Di Francesco Damato

Chi vincerà i ballottaggi a Roma, Milano e Torino. Parla il prof. ex grillino Becchi. Di Andrea Picardi

Olimpiadi Roma 2024, ecco costi, ricavi e polemicuzze. Di Andrea Picardi

Giachetti e Raggi, i programmi a confronto su Olimpiadi, metro C, debito e stadio della Roma. Di Andrea Picardi

Tutti i numeri del gorgo politico-istituzionale su ballottaggi e dintorni. Di Michele Magno

Che cosa deve chiarire Virginia Raggi. Di Gianfranco Polillo

Tutti i grilli per la testa di Renato Brunetta, Massimo D’Alema e Matteo Salvini. Di Francesco Damato

Vi racconto cosa è (anche) successo alle elezioni comunali. Di Renato Giallombardo

Perché i centristi filo Renzi guardano al modello Rimini. Di Gianluca Roselli

Elezioni comunali, periferie e immigrazione. Come (non) si parla di sicurezza. Di Stefano Vespa

Ecco come Vittorio Feltri di Libero si districa fra renzismo e anti renziani. Di Francesco Damato

Che cosa si muove sull’Italicum tra Renzi, minoranza Pd e opposizioni. Di Francesco Damato

Perché i ballottaggi rischiano di diventare un voto sul governo. Di Giuseppe Pennisi

Vi spiego io come si rottama Renzi. Parla Mastella. Di Gianluca Roselli

Perché non seguiamo Salvini su Raggi a Roma. Parla Rampelli (Fratelli d’Italia). Di Paola Sacchi

Vi racconto come i giornali di carta sulle elezioni comunali si sono incartati. Di Francesco Damato

Che cosa lega Matteo Salvini e il Movimento 5 Stelle. Di Benedetto Ippolito

Richard Gere, Virginia Raggi e il mistero (che non c’è) dell’invito dell’ambasciata Usa. Di Bruno Guarini

Elezioni comunali, ecco come la doppia preferenze di genere ha penalizzato le donne. Di Virgilio Falco

Perché non vedo alcuna evoluzione dei Cinque Stelle di Beppe Grillo. Di Francesco Damato

Cosa (non) farà Alfio Marchini al ballottaggio. Di Sveva Biocca

Elezioni comunali, cosa si dice nel popolo del Family Day? Di Giovanni Bucchi

Acea, cosa succede dopo il voto a Roma del 5 giugno. Di Angela Zoppo

Perché Silvio Berlusconi sbaglia a non preferire Roberto Giachetti a Virginia Raggi. Di Francesco Damato

Virginia Raggi e il Movimento 5 Stelle visti dalla stampa spagnola. Di Rossana Miranda

Cosa penso di Virginia Raggi. Di Giuliano Cazzola

MILANO

Referendum, per Renzi è più utile che a Milano vinca Parisi. Parla Mingardi. Di Niccolò Mazzarino

Perché i popolari di Alef voteranno Stefano Parisi a Milano. Di Ettore Bonalberti

Come arrivano al ballottaggio Giuseppe Sala e Stefano Parisi. Di Walter Galbusera

Perché alle amministrative hanno perso tutti. Di Fabio Plebani

Il Movimento 5 Stelle di Grillo non cresce. Parola dell’Istituto Cattaneo. Di Stefano Cingolani

Cosa (non) deve fare il Pd dopo il voto del 5 giugno. L’analisi del prof. Ceccanti. Di Andrea Picardi

Elezioni comunali, tutti i numeri che deludono Matteo Salvini. Di Niccolò Mazzarino

Il centrodestra ripartirà con Stefano Parisi e Gianni Lettieri. Parla Tajani. Di Paola Sacchi

Perché per Beppe Sala il primo turno a Milano è una mezza sconfitta. Di Lodovico Festa

Elezioni a Milano, ecco come e perché Stefano Parisi gongola. Di Antonella Luppoli

A2a, sicurezza e quartiere cinese. Come si dividono Stefano Parisi e Beppe Sala. Di Antonella Luppoli

Tutti gli effetti del voto su Matteo Renzi. Parla Peppino Caldarola. Di Andrea Picardi

Vi spiego il vero errore di Matteo Renzi alle comunali. Parla Cicchitto. Di Andrea Picardi

 Elezioni, perché la vera partita nazionale si gioca a Milano tra Parisi e Sala. Di Umberto Minopoli

NAPOLI

Vi racconto l’inconcludenza boriosa di Luigi De Magistris. Di Giuseppe Reina

Perché se vince De Magistris a Napoli ci saranno altri 5 anni di non governo. Parla Biagio De Giovanni. Di Franco Adriano

Vi dico cosa succede davvero a Napoli tra De Magistris e Renzi. Di Andrea Picardi

Ecco come la sinistra dem lavora contro Renzi al Sud. Parla Margiotta (Pd). Di Andrea Picardi

Elezioni comunali, ecco la bomba-derivati a Roma e Napoli. Di Gianfranco Ferroni

Perché io, renziano, a Napoli preferisco Lettieri a De Magistris. Di Umberto Minopoli

Matteo Renzi ora rifondi il Pd a Napoli e Roma. Di Umberto Minopoli

Ecco i risultati del Pd a Napoli che hanno fatto imbufalire Matteo Renzi. Di Giovanni Bucchi

 TORINO

Guido Montanari, chi è il Signor No che Chiara Appendino vuole all’Urbanistica di Torino. Di Giovanni Bucchi

Ecco visioni e divisioni di Piero Fassino e Chiara Appendino. Di Sabina Prestipino

Tutte le punzecchiature in tv fra Piero Fassino e Chiara Appendino. Di Sabina Prestipino

Appendino o Fassino? Che cosa si dice a Torino tra imprenditori, sindacalisti e banchieri. Di Sabina Prestipino

Verità e bugie su Chiara Appendino e Virginia Raggi. Di Michele Arnese

Perché sono scettico sulle capacità di governo di Appendino e Raggi. Parla il prof. Becchi. Di Gianluca Roselli

Cosa penso di Piero Fassino. Di Giuliano Cazzola

BOLOGNA

Manes Bernardini, chi è il tosiano ago della bilancia a Bologna. Di Giovanni Bucchi

Bologna, Virginio Merola, l’opportunità e l’opportunismo. Di Giuliano Cazzola

Condividi tramite