Continuano gli approfondimenti di Formiche.net sui programmi per principali candidati a sindaco nelle città di Milano, Napoli, Roma e Torino

Non solo la televisione dove interviene spesso ma rigorosamente senza avversari, eccetto la partecipazione di ieri sera al confronto di Sky. Per conoscere davvero Virgina Raggi – e capire cosa intenda fare laddove venisse eletta sindaco di Roma – lo strumento migliore da utilizzare è Facebook, il social network fondato da Mark Zuckerberg divenuto ancor più importante in questa campagna elettorale in cui i candidati si sono sfidati soprattutto a colpi di like e di video in diretta. Una via in fondo abbastanza naturale per un partito come il Movimento 5 Stelle il cui fondatore Gianroberto Casaleggio ha teorizzato la democrazia diretta e la rivoluzione attraverso internet.

LA RACCOLTA DI FONDI

Scorrendo il profilo della candidata sindaco, emerge subito come il messaggio in assoluto ribadito più volte – per esigenze concrete di finanziamento ma anche per ragioni di comunicazione – riguardi la raccolta di fondi economici per sostenere l’attività del movimento. “Noi non prendiamo finanziamenti pubblici e non siamo sostenuti dalle lobby”, afferma Raggi in uno dei tanti video pubblicati negli ultimi giorni. Un obiettivo che i cinquestelle stanno perseguendo anche con un’altra iniziativa: le cene di autofinanziamento in cui sono gli stessi esponenti grillini a servire a tavola i cittadini. Attività di raccolta dei fondi a cui stanno partecipando anche altri pentastellati, come ad esempio l’eurodeputato Fabio Massimo Castaldo, chiamato inoltre a far parte del minidirettorio romano insieme a Roberta Lombardi, Paola Taverna e Gianluca Perilli.

DI BATTISTA E I RAPPRESENTANTI DI LISTA

Non manca, ovviamente, qualche post del deputato e membro del direttorio pentastellato Alessandro Di Battista di cui Raggi è considerata una delle persone più strette e fidate. Ricorrenti anche gli inviti rivolti ai cittadini a diventare rappresentanti di lista del movimento nel corso delle operazioni di voto. “Vigila sul buon andamento delle votazioni e sul corretto svolgimento dello spoglio“, scrive la pentastellata in un post in cui aggiunge anche il link al quale poter partecipare.

LA MOBILITA’ SECONDO RAGGI

Tra gli argomenti rilanciati con più continuità c’è anche il programma cinquestelle in materia di mobilità e trasporti (consultabile sinteticamente a questo link). A proposito dell’Atac – l’azienda capitolina dei trasporti – Raggi propone di riconvertire “il personale amministrativo” in “personale operativo e di controllo“, anche per mettere un freno all’evasione tariffaria da record. La candidata grillina vuole poi restituire alla competenza diretta di Atac funzioni e servizi nel corso del tempo esternalizzati e dati in gestione ai privati. Più vaga la sua proposta sull’aspetto infrastrutture, a proposito delle quali, ad esempio, non si pronuncia esplicitamente su cosa voglia fare sulla metro C, se continuare i lavori ed eventualmente fino a che punto. Da questo punto di vista, Raggi promette “nuovi investimenti soprattutto sul ferro leggero di superficie e per la manutenzione dell’esistente“. Le altre tre priorità sono “corsie preferenziali protette“, “semafori intelligenti” e nuove “piste ciclabili“.

LA QUESTIONE RIFIUTI

Altro tema centrale su cui il prossimo sindaco dovrà intervenire sono i rifiuti il cui sistema di gestione e smaltimento è caratterizzato da lacune ed inefficienze, come si intuisce chiaramente dal degrado delle strade. “Riduzione”, “riutilizzo” e “riciclo” sono le tre parole chiave utilizzate da Raggi, che propone un sistema di tassazione progressivo nel quale paghi di meno chi ricicla di più. La candidata pentastellata punta, inoltre, ad incentivare la raccolta porta a porta e a realizzare isole ecologiche in ogni municipio della città. Tra le proposte formulate – e messe nero su bianco – c’è anche quella di incentivare l’uso di pannolini riutilizzabili, su cui hanno ironizzato i suoi avversari nelle ultime settimane. La priorità fondamentale però è l’efficientamento di Ama, per la quale – tra le novità – Raggi propone la realizzazione di impianti per smaltire il multimateriale frutto della raccolta differenziata e il ripristino della figura degli agenti accertatori per garantire il pagamento della tariffa da parte soprattutto dei grandi clienti.

PER IL RECUPERO DEL TERRITORIO

Spazio sul profilo facebook di Raggi anche al tema del recupero del territorio, con riferimento al quale la candidata pentastellata affronta un argomento poco trattato dagli altri candidati sindaco ma in realtà molto importante per la città: i continui allagamenti che si ripetono a Roma – soprattutto in alcune aree, come quelle di Settebagni e dell’Infernetto – al verificarsi anche di semplici temporali. Il cuore del problema, secondo Raggi, è da individuarsi nel fatto che troppi enti e soggetti pubblici abbiano competenze in materia, con la conseguenza che alla fine non si riesca a superare le difficoltà. A tal proposito scrive: “La gestione dei sistemi di protezione e drenaggio urbano è di competenza del Comune solo per una minima parte, mentre il grande delle responsabilità in materia idrogeologica è posto a carico di enti diversi. Ciò comporta ovviamente grandi difficoltà di coordinamento, e la mancanza di una gestione univoca impedisce di fatto,​la possibilità di affrontare con efficacia le problematiche idrogeologiche del territorio romano”. La proposta è quindi quella di creare una cabina di regia che raccolga tutti i soggetti competenti ma coordinata e guidata dal Campidoglio, in modo da mappare con precisioni le situazioni di emergenza e intervenire.

LA RIORGANIZZAZIONE DELLA MUNICIPALE

Governare Roma vuol dire anche guidare la macchina dei dipendenti comunali, tra i quali rientrano pure gli oltre seimila vigili urbani della città. Un corpo in grado di far sentire pesantemente la sua voce in città, come accaduto ad esempio con Ignazio Marino, il cui scontro con la municipale finì con il determinare la maxi assenza per malattia in occasione del capodanno 2015. Da questo punto di vista Raggi dichiara comunque di voler intervenire: “La percezione non buona da parte dei cittadini riguardo l’efficienza della Polizia Locale trova riscontro nelle lacune organizzative dello stesso. Per sanare queste inefficienze non è più rinviabile una riorganizzazione del Corpo che provveda ad eliminare duplicazioni di strutture e frammentazione di competenze“.

LE POLITICHE SOCIALI

In questo settore, l’idea cardine di Raggi consiste nel chiedere al governo l’esclusione dal patto di stabilità degli investimenti riconducibili alle politiche sociali“. Una proposta, dunque, che inevitabilmente in caso di vittoria porterà la candidata pentastellata a doversi confrontare con Matteo Renzi e la sua squadra di ministri. Come è noto però,iI rapporti tra il premier e il movimento di Beppe Grillo sono quelli che sono. Come riusciranno a dialogare per il bene di Roma laddove Raggi dovesse vincere?

I NUOVI ASSESSORATI

Con un intervento sul sito di Grillo, Raggi ha annunciato quale sarà – nell’ipotesi di vittoria – la struttura della sua giunta. 10 assessorati in totale, compreso uno definito “a tempo” per “la riorganizzazione delle partecipate“. Il suo ruolo dell’assessore sarà quello di intervenire sulle 80 società del Campidoglio, per capire quali confermare, quali tagliare e quali riorganizzare. A tempo perché – scrive la candidata grillina – “nel più breve tempo possibile dobbiamo raggiungere l’obiettivo di razionalizzare le partecipate e quindi questo assessorato, di conseguenza, sarà chiuso e cesserà la sua funzione“. Si segnala poi che nella struttura proposta dai cinquestelle l’accorpamento degli assessorati al bilancio e alla casa e di quelli ai lavori pubblici e all’urbanistica. Nascono infine l’assessorato alla qualità della vita e quello ai diritti delle persone: nomi nuovi per indicare l’esercizio di funzioni per legge attribuite ai comuni.

LO SPECIALE DI FORMICHE.NET SULLE PROSSIME ELEZIONI AMMINISTRATIVE CITTA’ PER CITTA’:

ROMA

Tutte le litigate nel centrosinistra e nel centrodestra per le elezioni comunali. Di Francesco Damato

Roma, ecco come i popolari si sono sparpagliati tra Giachetti, Marchini e Meloni. Di Andrea Picardi

Elezioni amministrative: quali cure per le città? Di Angelo Deiana

Ecco il programma in pillole di Roberto Giachetti per Roma. Di Andrea Picardi

Ecco i nomi di chi lavora con Virginia Raggi per il Campidoglio. Di Andrea Picardi

Ecco come Berlusconi ha spiazzato Bertolaso, Marchini e il Foglio. Di Francesco Damato

Perché sostengo Alfio Marchini. Di Gianfranco Polillo

Tutti i nomi della squadra di Roberto Giachetti per il Campidoglio. Di Andrea Picardi

Ecco la squadra di Alfio Marchini per il Campidoglio. Di Andrea Picardi

Che cosa (non) farà Silvio Berlusconi a Roma, Torino e Napoli. Di Francesco Damato

Come (non) è andato lo streaming a 5 stelle con i candidati sindaco Appendino, Bugani e Raggi di Andrea Picardi

Metro C Roma: è guerra del tutti contro tutti? Di Orti Osservatorio I-Com

Ecco come Denis Verdini tiferà ancora per Matteo Renzi. Di Andrea Picardi

Perché sosterremo Matteo Renzi anche alle elezioni politiche. Parla il verdiniano D’Anna. Di Gianluca Roselli

Ecco come (e con chi) Fassina eroderà voti a Giachetti. Di Andrea Picardi

Vi racconto la guerra interna ai 5 Stelle. Parla Becchi. Di Gianluca Roselli

Tutte le idee (economiche) di Giorgia Meloni per Roma. Di Andrea Picardi

Tutti i folli slogan dei candidati sindaco a Roma. Di Daniele Capezzone

Tutti gli ostacoli al salvataggio della Nuova Fiera di Roma. Di Andrea Picardi

Stefano Fassina, Virginia Raggi e il nichilismo ideologico della sinistra radicale. Di Michele Magno

Giorgia Meloni prova a sfondare al centro con i popolari di Mauro e i liberali di De Luca. Di Andrea Picardi

Ecco il programma del candidato premier Matteo Salvini pubblicato da Mondadori. Di Andrea Picardi

Tutte le panzane dietrologiche di Meloni e Salvini sulla mossa di Berlusconi pro Marchini. Di Francesco Damato

Che si agita a Roma tra Giachetti e Marchini. Di Daniele Marchetti

Ecco perché Forza Italia ha scelto Lettieri, Marchini e Parisi. Parla Tajani. Di Andrea Picardi

Perché io, non berlusconiano, elogio la mossa di Berlusconi su Marchini. Di Giuseppe Turani

Perché Silvio Berlusconi molla Guido Bertolaso e amoreggia con Alfio Marchini. Di Michele Arnese

Perché con Parisi a Milano e Marchini a Roma il centrodestra può ripartire. Di Andrea Picardi

Vi racconto le smoderate stilettate fra Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi. Di Francesco Damato

Ecco le idee che uniscono Silvio Berlusconi e Alfio Marchini. Di Andrea Picardi

Chi c’è nelle liste elettorali a sostegno di Roberto Giachetti a Roma. Di Andrea Picardi

Chi è Marco Lodoli, lo scrittore veltronian-renziano che guiderà la lista civica di Giachetti a Roma. Di Andrea Picardi

Roma, ecco come Alfio Marchini vuole far flirtare Ama e Acea. Di Andrea Picardi

Ecco come Area Popolare si divide a Roma tra Giachetti e Marchini. Di Andrea Picardi

Acea, Atac, Metro C e rom. Ecco le idee (e le polemiche) di Virginia Raggi. Di Andrea Picardi

Tutte le mosse moderate di Grillo e Casaleggio con Appendino e Raggi. Di Michele Arnese

Perché Virginia Raggi è la superfavorita alle elezioni di Roma. Parla il prof. Becchi. Di Andrea Picardi

Virginia Raggi, ecco idee e curiosità del candidato sindaco del Movimento 5 Stelle a Roma. Di Simona Sotgiu

Roberto Giachetti, Virginia Raggi e i rom. Di Michele Arnese

Sommesso appello a Bertolaso, Marchini, Meloni e Storace. Di Mario Mauro

Lega, che succede a Roma fra Salvini e la lista Noi per Salvini? Di Giovanni Bucchi

Elezioni, cosa faranno i Radicali a Roma e Milano. Di Fernando Liuzzi

Chi (non) voterò a Roma. Parla Rutelli. Di Andrea Picardi

MILANO

Milano, tutte le differenze tra Stefano Parisi e Beppe Sala. Di Walter Galbusera

Milano riparte da Ovest (in attesa del nuovo sindaco). Di Laura Magna

Stefano Parisi e Beppe Sala, pillole del faccia a faccia al Teatro Parenti di Milano. Di Antonella Luppoli

Ecco le idee clou di Stefano Parisi e Giuseppe Sala per Milano. Di Walter Galbusera

Ecco le priorità per Milano. Promemoria per Parisi e Sala. Di Pier Andrea Chevallard

Ecco come Beppe Sala e Stefano Parisi si punzecchiano sul dopo Expo. Di Antonella Luppoli

Come procede la corsa di Stefano Parisi e Giuseppe Sala a Milano. Di Walter Galbusera

Che cosa chiede Assolombarda di Rocca a Corrado, Parisi e Sala. Di Antonella Luppoli

Giuseppe Sala può essere eletto sindaco? Baruffa a Milano fra accuse e smentite. Di Antonella Luppoli

Fiere, tutte le tensioni tra l’asse lombardo-veneto e l’Emilia-Romagna. Di Niccolò Mazzarino

Milano, tutte le prossime sfide di Beppe Sala e Stefano Parisi. Di Walter Galbusera

Ecco i comuni travagli di Parisi e Sala con i partiti. Di Walter Galbusera

Chi sosterrà Giuseppe Sala a Milano con una lista civica. Di Antonella Luppoli

Un giorno a spasso con Stefano Parisi a Milano parlando di Passera, Salvini e di moschee. Di Antonella Luppoli

Vi racconto cosa diceva Corrado Passera di Salvini e del centrodestra. Di Guido Mattioni

Ecco le sfide (non solo milanesi) di Stefano Parisi. Di Walter Galbusera

Ecco come Stefano Parisi e Giuseppe Sala si sono sfidati nei teatri di Milano. Di Antonella Luppoli

Come si dividono i ciellini tra Stefano Parisi e Giuseppe Sala. Di Antonella Luppoli

Ecco tutti i sogni radicali di Marco Cappato per Milano. Di Antonella Luppoli

Perché Gianroberto Casaleggio ha rottamato Patrizia Bedori a Milano. Di Antonella Luppoli

Dopo Expo, tutte le baruffe mediatiche sul progetto Human Technopole. Di Giovanni Bucchi

Forze e debolezze di Stefano Parisi e Beppe Sala. Di Walter Galbusera

Ecco il programma in pillole di Stefano Parisi per Milano. Di Antonella Luppoli

Niente inciuci sui conti Expo. Di Corrado Passera

NAPOLI

Vi racconto la chiassosa campagna elettorale a Napoli. Di Giuseppe Reina

Ecco come Luigi De Magistris tenta il bis a Napoli. Di Giovanni Bucchi

Ecco come e con chi l’ex bassoliniana Valente cerca di scalzare De Magistris. Di Giovanni Bucchi

Perché mi candido nell’Udc a Napoli per Valente sindaco. Di Giuseppe Reina

La sonora reprimenda del napoletano Antonio D’Amato a Napoli. Di Giuseppe Reina

Candidati e sfide nelle elezioni a Benevento, Caserta e Salerno. Di Carmine Spadafora

Come si agitano a Napoli gli anti De Magistris. Di Giuseppe Reina

TORINO

Così Luigi Di Maio scalda la campagna moderata di Chiara Appendino a Torino. Di Sabina Prestipino

Morano, Napoli e Rosso. Benvenuti nel centrodestra lacerato alle comunali di Torino. Di Sabina Prestipino

Chi c’era all’apertura della campagna elettorale di Piero Fassino a Torino. Di Sabina Prestipino

Ecco come a Torino Giorgio Airaudo cerca di azzoppare Piero Fassino. Di Sabina Prestipino

Torino, ecco come la grillina Chiara Appendino rottama la retorica No tav e la decrescita felice. Di Sabina Prestipino

Morano, Napoli e Rosso. Benvenuti nello spappolato centrodestra a Torino. Di Sabina Prestipino

Tutte le mosse moderate di Grillo e Casaleggio con Appendino e Raggi. Di Michele Arnese

Condividi tramite